Sono quei secondi di silenzio, e non l'applauso,
che ti fanno capire di aver colpito nel profondo.